Comunicati

Chi aiuterà il processo di rilocalizzazione delle imprese tedesche in Italia?

Oltre il 70% delle aziende tedesche ha avviato o sta valutando la ricerca di nuovi fornitori e quasi il 45% è alla ricerca di nuove sedi produttive: è quanto emerge da un sondaggio condotto dalla Camera di Commercio Italo-Germanica (1) che tratteggia uno scenario in cui il Belpaese si rivelerebbe la destinazione preferita per le nuove catene produttive delle imprese tedesche.

Pandemia da Covid e contromisure, guerra in Ucraina, carenza di materie prime e caro bollette, infatti, stanno ridisegnando l’intero quadro geoeconomico europeominato dal rallentamento dei flussi di cassa e dall’aumento dei prezzi: l’Italia è pronta ad accogliere le aziende germaniche? Chi agevolerà il loro processo di rilocalizzazione? Come?

Con l’obiettivo di facilitare la ricerca di nuovi fornitori in Italia per l’industria tedesca, IUNGO, piattaforma di supply chain collaboration in cloud, spiega come la tecnologia in cloud può semplificare il suo riassetto.

“Sempre più clienti ci danno conferma di questo trend di rilocalizzazione. Molti di loro evidenziano la necessità di dover iniziare a dialogare con capofiliera tedeschi. La possibilità di accedere ad una piattaforma di Supplier Collaboration già ampiamente utilizzata dalle aziende italiane, attraverso una tecnologia scalabile, è la soluzione ideale per entrare in un mercato strutturalmente molto diverso da quello tedesco.” – dichiara Luca Mongiorgi, Head of Marketing di IUNGO.

Una piattaforma digitale di supply chain management in cloud permetterebbe alle aziende tedesche di dar seguito a un interscambio commerciale tra Italia e Germania che nel primo trimestre del 2022 si aggirava intorno ai 85,9 miliardi di euro, registrando un aumento del 23,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. 

Come? Anche di fronte a eventi imprevedibili, questo tipo di tecnologia è in grado di ingaggiare nuovi fornitori alternativi che possano subentrare in tempi brevi – senza costi aggiuntivi, formazione e installazione di alcun software – e nel rispetto del lead time di consegna finale. Questo grazie alla visibilità completa di un parco fornitori ampio e qualificato, precedentemente misurato e monitorabile in tempo reale. 

All’avvio di una nuova gara di acquisto, ad esempio, il buyer tedesco potrà selezionare e includere solo i fornitori qualificati secondo i propri standard produttivi, garantendo così che l’assegnazione della gara al fornitore vincente avvenga nella maniera più efficace possibile: questo metodo permette di evitare perdite di tempo date da eventuali verifiche ulteriori sullo stato di qualifica del fornitore scelto e della disponibilità della documentazione obbligatoria fornita e soprattutto aggiornata in tempo reale.” – chiarisce Luca Mongiorgi. “Il cloud permette di avere evidenza in tempo reale di tutte le interazioni con i fornitori su ogni transazione/processo gestito. Si possono monitorare anche le negoziazioni in corso, gli ordini di acquisto e intervenire tempestivamente per prevenire problematiche quali: eventuali ritardi di consegna, mancata disponibilità da parte del fornitore sulla quantità parziale e/o totale del materiale richiesto/ordinato, mancata compilazione da parte del fornitore di una richiesta di offerta entro i termini di scadenza previsti dalla gara di acquisto, mancato feedback su un ordine richiesto”.

(1) https://www.milanofinanza.it/news/le-imprese-tedesche-a-caccia-di-fornitori-in-italia-202211070748529294

Luca Mongiorgi, Head of Marketing di IUNGO
30° Global Summit Logistics and Supply Chain
22 | 23 MAGGIO 2024
ACCEDI QUI se sei registrato o ISCRIVITI