Interviste

Intervista a Federico Bertin, Sales Manager di Modula Spa

Buongiorno, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GLSummit22. Cosa vi aspettate da questo evento?

Partecipiamo da anni a questo evento e riteniamo sia sempre interessante avere la possibilità di confrontarsi sulle trasformazioni della logistica e sui nuovi scenari della supply chain.

Il settore nel quale lavoriamo è in continua evoluzione e l’aggiornamento è fondamentale per dare un buon servizio ai nostri clienti e per trovare buone soluzioni di mercato.

Solitamente non mancano i momenti di approfondimento e confronto reciproco ed in questo momento sono fondamentali.

La Pandemia di Covid19 è ormai una triste realtà da oltre due anni e come possa evolvere non è ancora noto. Cosa ritenete possa rimanere nel nostro ambito di questo evento epocale e come dovranno cambiare le aziende del settore per affrontare il rischio di altre situazioni come questa?

Superata una prima contrazione del mercato dovuta al momento di difficoltà ed incertezza generale abbiamo poi riscontrato un incremento notevole delle richieste di contatto.

La nostra opinione è che i limiti indotti dalla pandemia abbiano reso molte aziende consapevoli dell’importanza di avere un magazzino ben organizzato ed automatizzato.

Le previsioni di crescita del mercato dell’automazione dal 2019 al 2025, sono di oltre il doppio grazie a forti fattori di crescita generali, dell’incremento incredibile dell’e-commerce e all’aumento dei costi del lavoro di magazzino che obbliga ad una ottimizzazione delle attività.

Essendo le operazioni di magazzino un fattore critico per il successo di qualsiasi attività incentrata sulla catena di approvvigionamento, in particolare le attività a basso margine e ad alto volume come l’e-commerce e la vendita al dettaglio, la competitività si riduce alla velocità e alla precisione del picking oltre all’acquisizione di tecnologie e automazioni all’interno del magazzino.

Quello che noi suggeriamo a tutti i nostri clienti è che non esistono soluzioni “pronte” in questo caso ma solo soluzioni automatiche customizzate sulla base delle esigenze del cliente e del flusso di lavoro a cui deve fare fronte.

Parlare di automazione in magazzino significa parlare di un futuro imprescindibile per tutte le realtà aziendali.

Il tema della sostenibilità è sempre più al centro del dibattito e le aziende più impegnate in questo ambito iniziano a veder premiati i propri sforzi anche in ambito B2B. Può la logistica andare davvero in questa direzione?

L’ecosostenibilità nella logistica è un tema fondamentale nella filiera produttiva. Modula da anni lavora in questa direzione applicando politiche e misure che rendono possibile lo sviluppo delle aziende con un limitato impatto ambientale. I magazzini verticali Modula per definizione hanno una minima occupazione del suolo, sviluppandosi in verticale consentono un risparmio a terra di quasi il 90% della superficie ed inoltre utilizzano poca energia in quanto hanno un consumo davvero limitato.

Oltre alla sostenibilità della dotazione standard Modula mette a disposizione un pacchetto accessorio, Modula Green, in grado di generare energia dal movimento discendente dell’elevatore che altrimenti si disperderebbe sotto forma di calore sulle relative resistenze di frenatura. Il principio fondamentale che permette tale recupero si basa sulla tecnologia DC-BUS comune ai vari inverter. L’elemento fondamentale del Modula Green è un inverter speciale che, collocato tra l’interruttore principale della macchina e il quadro elettrico, agisce come stabilizzatore di energia quando il motore dell’asse verticale comanda la fase di salita dell’elevatore, e come generatore quando il motore dell’asse verticale è in fase di discesa. In questo modo l’energia elettrica prodotta viene reimmessa nella rete del cliente.

AI, robotica avanzata, nuove tecnologie e forme di automazione che stanno cambiando l’industria e il lavoro come mai era accaduto nel corso della storia, al tempo stesso affascinano e fanno paura. Esiste una strada per rendere tutto questo un processo di autUMANizzazione e per rendere tutto questo un vero e poderoso miglioramento per l’uomo, per l’economia e per il progresso?

Robotica e automazione stanno rapidamente diventando un fattore chiave per il successo di tutte le aziende con un impatto importante proprio nel mondo della logistica.

Da questo binomio prende vita l’idea di associare a sistemi di stoccaggio automatizzati anche robot mobili autonomi per una distribuzione sempre più rapida, sicura e priva di errori, tempi di commercializzazione più brevi e, in definitiva, costi inferiori per aziende e consumatori.

Questa automatizzazione dei processi è un grande successo anche per la forza lavoro in quanto ai robot possono essere demandate le attività più pericolose e noiose, la movimentazione di merci pesanti o dannose per la salute consentendo di dedicare personale qualificato ad attività con maggiore valore aggiunto ed in totale sicurezza.

Federico Bertin di Modula
28° Global Summit Logistics and Supply Chain
23 | 24 MARZO 2022
ACCEDI QUI se sei registrato o ISCRIVITI