Comunicati

La trasformazione digitale della supply chain è ostacolato dalla mancanza di Competenze e risorse

A sancirlo il terzo studio annuale condotto da ToolsGroup e dal Council of Supply Chain Management Professionals (CSCMP), secondo il quale mentre più aziende che mai (93%) sono attivamente impegnate nella trasformazione digitale, il deficit di risorse/competenze è il principale ostacolo (52%) allo sviluppo dei progetti.

Il terzo studio annuale condotto da ToolsGroup, leader globale nel software di pianificazione della supply chain, e Council of Supply Chain Management Professionals (CSCMP) ha rilevato che mentre più aziende che mai (93%) sono attivamente impegnate nella trasformazione digitale, il deficit di risorse/competenze è il principale ostacolo (52%) allo sviluppo dei progetti. 

La ricerca di quest’anno rivela la pesante ricaduta che la carenza di manodopera sta avendo sulla trasformazione digitale della supply chain: gli intervistati hanno individuato “l’aumento degli sforzi di reclutamento e formazione” come principale investimento in aumento per il 2022.

Nel periodo gennaio-marzo 2022, CSCMP e ToolsGroup hanno intervistato più di 300 professionisti della supply chain a livello mondiale. Mentre la maggior parte delle aziende ha iniziato il 2022 con prospettive di business positive, rimane estremamente preoccupata per i fattori esterni che hanno avuto un impatto sulle strategie di pianificazione della supply chain negli ultimi due anni. I ritardi nella catena di approvvigionamento (25%), l’aumento dell’inflazione (24%) e l’aumento dei costi di evasione ordini (19%) sono in cima alla lista delle preoccupazioni esterne. A confronto, gli intervistati sono meno preoccupati per questioni interne come cicli di vita dei prodotti più brevi, rischio di obsolescenza o più opzioni di produzione.

Scarica il rapporto completo: Digital Supply Chain Planning Outlook 2022

Anche i fattori esterni influenzano gli obiettivi del 2022 per la trasformazione digitale nella pianificazione della supply chain. In risposta alla carenza di risorse e alla “grande rassegnazione”, il 51% delle aziende afferma che nel 2022 aumenterà l’automazione per concentrare il personale su attività a maggiore valore. 

Entrambi con il 47%, l’implementazione di processi per favorire una reazione migliore e più rapida alle interruzioni impreviste e l’aumento della resilienza della supply chain sono gli altri obiettivi principali per il 2022. L’obiettivo principale dello scorso anno, stare al passo con l’evoluzione dei comportamenti e delle aspettative dei clienti, scende al quinto posto nel 2022, dimostrando quanto profondamente i fattori esterni stiano sconvolgendo tutte i processi della filiera. 

Mentre i fattori esterni stanno spingendo le iniziative di trasformazione digitale, i fattori relativi al personale sono percepiti come quelli più critici. La metà degli intervistati (50%) ha affermato che una continua attenzione alle persone, ai processi, alla tecnologia e alle implicazioni di sicurezza è vitale per una trasformazione digitale di successo, seguiti da una gestione del cambiamento e da una comunicazione efficace (45%) e dalla necessità di sviluppare obiettivi guidati dalla leadership (43%).

“Gli ultimi due anni hanno messo in luce la necessità di digitalizzare la pianificazione della supply chain e, fortunatamente, più aziende che mai stanno rispondendo intensificando gli sforzi per trasformare le loro operazioni”, ha dichiarato Caroline Proctor, CMO di ToolsGroup. “La percentuale di aziende che non perseguono affatto una strategia di trasformazione digitale è al 7%, la più bassa che abbiamo misurato finora. I nostri risultati rivelano un aumento degli investimenti in software, automazione e persone”. 

“I risultati dello studio di ricerca mostrano che le aziende stanno procedendo in maniera costante verso la trasformazione digitale”, ha osservato Mark Baxa, presidente e CEO CSCMP. “Man mano che le sfide della supply chain diventano più frequenti e intense, i leader aziendali sono sempre più concentrati sull’implementazione di soluzioni che possano aiutarli a gestire meglio il rischio, bypassare la carenza di competenze e diventare più resilienti”.

ToolsGroup

ToolsGroup è il modo in cui le aziende migliorano la disponibilità di prodotto ottimizzando al tempo stesso le scorte, indipendentemente dalla complessità della supply chain o dalla variabilità della domanda. In un mondo che non segue mai le regole, la nostra suite per la pianificazione dei processi retail e della supply chain ottimizza in modo automatico la filiera end-to-end, dalla produzione all’acquisto, permettendo a produttori, distributori e retailer di essere pronti a tutto. Ecco perché leader globali come Absolut, BP e Harley-Davidson continuano ad affidarsi a noi anno dopo anno. Per maggiori informazioni, seguici su LinkedinTwitterYouTube o visita www.toolsgroup.com.

CSCMP

Il Council of Supply Chain Management Professionals (CSCMP) è stato costituito nel 1963 negli Stati Uniti con lo scopo di promuovere lo sviluppo della professione e lo scambio di esperienze, conoscenze e opportunità tra i membri. Connettere, sviluppare, formare: sono le linee guida. L’associazione è presente in molti altri paesi, inclusa Italia. Per maggiori informazioni, visita il sito cscmp.org e segui CSCMP sui canali social: Twitter, Facebook, LinkedIn, CSCMPtv, e Instagram.

29° Global Summit Logistics and Supply Chain
22 | 23 MARZO 2023
ACCEDI QUI se sei registrato o ISCRIVITI